Cultura e territorio

"Salvate tutto ciò che c'è di bello", ecco le parole di Aldo Moro quando visitò Foggia nel 1966

Il 29 aprile 1966 il Presidente del Consiglio dei Ministri, Aldo Moro, visitò la città di Foggia per l’inaugurazione, o meglio la riapertura dopo i lavori di restauro, del Museo Civico della città, della Pinocateca e del meraviglioso Teatro Umberto Giordano, fiore all’occhiello del capoluogo dauno.

In quella circostanza Aldo Moro, in un suo discorso, rivolgendosi alla città e alle sue autorità disse: “…Ma accanto a questo interesse vivo che conduce amministratori e parlamentari a porsi… il problema dello sviluppo di una Foggia moderna e civile, accanto a questo c’è l’assillo di salvare e valorizzare in questa continuità ideale tutto quello che di antico, di vero, di bello, c’è in questa città; Città di avvenire, dunque, che vogliamo assicurare, ma anche città del passato che volgiamo salvaguardare… i cittadini hanno anche bisogno di cose che parlino al loro spirito, di cose che valgano ad esaltare i valori propri della persona umana”.

Il giorno seguente il Presidente del Consiglio inaugurò la XVII edizione della Fiera dell’agricoltura e anche in questo caso, in un discorso, sottolineò l’importanza dell’agricoltura nel panorama economico italiano e della città di Foggia.

Leggi anche: Intervista al Generale che trovò il corpo di Aldo Moro

Annarita Correra

Mi chiamo Annarita Correra, ho 27 anni e amo raccontare storie. Credo che la bellezza salverà il mondo e per questo la cerco e la inseguo nella mia terra, la più bella del mondo. L’amore per la letteratura mi ha portato a conseguire la laurea triennale in Lettere Moderne e quella magistrale in Filologia Moderna. Ho collaborato con riviste online culturali, raccontando con interviste e reportage le bellezze pugliesi. La mia avventura con Foggia Reporter é iniziata cinque anni fa. Da un anno curo la linea editoriale del giornale, cercando di raccontare la città e la sua provincia in modo inedito, dando voce e spazio alla cultura e alle nostre radici. Mi occupo di web editor e creo contenuti digitali, gestisco la pagina Instagram del giornale raccogliendo e raccontando le immagini più belle delle nostra terra.

Articoli correlati

Back to top button
Close

Sostenerci è facile

Per favore, disabilita AdBlock