Cultura e territorio

Cavatelli, la semplice e antica pasta fatta in casa “a tre dita”

Rimanere in casa in questo periodo significa anche riscoprire le antiche tradizioni culinarie e i sapori autentici e genuini della nostra terra. Ieri, per il pranzo della domenica, non ci siamo fatti mancare la pasta fresca con il sugo. Cosa abbiamo preparato? I tipici cavatelli pugliesi.

Preparare i cavatelli a casa è molto semplice, bastano pochissimi ingredienti per realizzare uno dei tipi di pasta più antichi del Sud Italia a base di semola di grano duro.

I cavatelli sono nati in Molise ma presto si sono diffusi nella nostra regione riscuotendo grande successo, ottimi da condire con deliziosi sughi di carne o pesce.

A Foggia la domenica vuol dire solo una cosa: pasta al sugo con le braciole. In questo difficile periodo, però, non tutti riescono ad andare al supermercato o a comprare la carne.

Per questo motivo, per la nostra ricetta, abbiamo deciso di preparare dei semplici ma gustosi cavatelli al pomodoro.

Da puglia.com scopriamo che le prime documentazioni sui cavatelli risalgono al periodo del regno di Federico II di Svevia, dove, in Capitanata, vengono definiti in un antico documento come impasti oblunghi e rotondi, calcati con un dito per avere una forma incavata.

Questo tipo di pasta si realizza, infatti, con l’uso delle dita. Le massaie più esperte riescono a realizzare velocemente chili e chili di cavatelli senza sosta.

Per realizzare i cavatelli abbiamo bisogno di 500 grammi di semola di grano duro, 250 ml acqua tiepida, 2 cucchiai olio extravergine d’oliva e un pizzico di sale.

Preparazione dei cavatelli

Preparare la nostra pasta è molto sempliced. Disponete la farina realizzando la tipica fontana.

Aggiungete acqua e sale poco la volta, poi l’olio, e impastate energicamente a mano.

Otterrete un composto compatto e omogeneo. Lasciate riposare la pasta per circa mezz’ora, così che l’impasto per i cavatelli possa essere facilmente steso sul piano di lavoro.

Prendete un pezzo per volta di impasto e realizzate un piccolo cordoncino, da cui tagliare tocchetti larghi non più di 1 cm.

Per realizzare i cavatelli basterà esercitate una piccola pressionesul tocchetto di pasta e scavate il cavatello al suo interno, arricciandone un po’ i bordi.

Continuate così fino ad esaurire tutto l’impasto. Lasciate riposare i cavatelli sulla spianatoia per un paio d’ore, per farli “seccare”, dopo averli spolverizzati con la semola.

Passato il tempo necessario, i deliziosi cavatelli saranno pronti per la cottura. Dopo averli scolati conditeli con un sugo di pomodo semplice e qualche fogliolina di basilico fresco, il risultato sarà ottimo e da leccarsi i baffi.

Fonte: puglia.com

Redazione

Foggiareporter.it è il quotidiano online della Provincia di Foggia. Cronaca, eventi, politica e sport dalla Capitanata. Leggi tutti i nostri articoli.

Articoli correlati

Back to top button
Close

Sostenerci è facile

Per favore, disabilita AdBlock