Foggia Reporter

Covid-19, palestre pronte a ripartire: ecco le regole da seguire

Palestre, piscine e centri sportivi sono pronti a ripartire ma dovranno seguire rigide e precise regole per rispettare le misure anti-contagio Covid.

L’apertura per le palestre è stata fissata al 25 maggio. Tante le domande, i dubbi e la voglia di ripartire per i personal trainer, istruttori e maestri di danza fermi per oltre due mesi.

L’Ufficio per lo Sport della Presidenza del Consiglio dei Ministri ha stilato oggi le Linee guida per l’esercizio fisico e lo sport.

Per la loro attuazione le Federazioni Sportive Nazionali, le Discipline Sportive Associate e gli Enti di Promozione Sportiva riconosciuti dal CONI e dal CIP, nonché le associazioni, le società, i centri e i circoli sportivi, comunque denominati, anche se non affiliati ad alcun organismo sportivo riconosciuto, adottano, per gli ambiti di rispettiva competenza e in osservanza della normativa in materia di previdenza e sicurezza sociale, appositi protocolli attuativi contenenti norme di dettaglio per tutelare la salute degli atleti, dei gestori degli impianti e di tutti coloro che, a qualunque titolo, frequentano i siti in cui si svolgono l’attività sportiva di base e l’attività motoria.

Le misure da seguire

Utilizzo dei dispositivi di prevenzione del contagio (mascherine chirurgiche, guanti monouso); – pulizia e sanificazione dei luoghi e delle attrezzature; – realizzazione di segnaletica nel centro di entrata e uscita ben evidenziati; – preparazione dei locali con percorsi differenziati.

E ancora: predisposizione di piani di evacuazione che evitino aggregazione in caso di necessità o urgenza; – divieto di scambio tra operatori e personale comunque presente nel sito di dispositivi (smartphone, tablet) e di attrezzi sportivi.

Inoltre, per quanto riguarda l’igiene: bisognerà avarsi frequentemente le mani, anche attraverso appositi dispenser di gel disinfettanti; – mantenere la distanza interpersonale minima di 1 metro, in assenza di attivita’ fisica, e di 2 se si svolge quell’attività.

E ancora: evitare di lasciare in luoghi condivisi con altri gli indumenti indossati per l’attività fisica, ma riporli in zaini o borse personali e, una volta a casa, lavarli separatamente dagli altri indumenti; – disinfettare i propri effetti personali evitando di condividerli (borracce, fazzoletti, attrezzi).

Arrivare nel sito già vestiti adeguatamente all’attività che si andrà a svolgere e muniti di buste sigillanti per la raccolta di rifiuti potenzialmente infetti; – particolare igiene e sicurezza per l’utilizzo di docce, spogliatoi e servizi igienici, dove è previsto l’accesso contingentato.

Infine: evitare dispositivi comuni come l’asciugacapelli; – bere sempre da bicchieri monouso o bottiglie personalizzate; – gettare subito in appositi contenitori i fazzolettini di carta o altri materiali usati, ben sigillati.

Fonte: Ansa