Foggia Reporter

Da New York a Foggia: la traduttrice di Grey’s Anatomy ospite in diretta Facebook alla SSML San Domenico

Foggia – Ha tradotto Grey’s Anatomy e Trolls e nel pomeriggio del prossimo primo giugno sarà in collegamento con una diretta streaming per la SSML San Domenico di Foggia, al fine di rispondere alle domande dei ragazzi che accarezzino il sogno (da lei pienamente realizzato) di fare gli interpreti.

Stiamo parlando di Linda De Luca, nata a Milano e cresciuta a Varese, laureata nel 2006 in interpretariato e traduzione presso la SSML di Varese, freelance. La De Luca vive a New York dal 2013.

Tra i suoi lavori più importanti, la traduzione di libri per Gargoyle e Mondadori, tra cui le opere dello scrittore americano Jack Ketchum, sceneggiature e dialoghi di serie tv come Grey’s Anatomy e Trolls e interpretariato per canali televisivi e stazioni radio.

Nel 2014 si è specializzata in interpretariato medico e da allora lavora negli ospedali di Manhattan.

Insegna italiano presso la scuola dell’ONU e dal 2017 collabora con Roberto Saviano. Nel 2019 ha scritto articoli su interpretariato medico e traduzione, e intrapreso un progetto letterario. 

«Si tratta di una figura importante che ospitiamo sulla nostra pagina facebook con grande entusiasmo», commenta l’ingegner Lorenzo Albano, direttore dell’Istituto universitario in Mediazione Linguistica.

«La nostra idea è quella di aiutare i giovani ad orientarsi nel mondo del lavoro.

A tal fine la De Luca parlerà della sua carriera, dell’esperienza con Grey’s Anatomy, dei ritmi quotidiani di un’interprete e della vita newyorkese. Racconterà i suoi primi passi e come, con tenacia e determinazione, ha saputo realizzare il suo sogno.

Il nostro è un modo nuovo di intendere l’offerta formativa, preziosa per gli studenti che hanno in mente di fare traduzione e interpretariato, e che con l’ascolto di una professionista importante, possono comprendere le opportunità date da questo mestiere».

La SSML, equiparata al triennio universitario, forma interpreti e traduttori in diversi ambiti: medico, moda, agroalimentare, politico, economico, forense, localizzazione dei videogames, ambiente e attualità.

Ed è alle domande degli studenti di tutte le scuole superiori, e di chiunque altro desideri collegarsi, che la De Luca risponderà alle 15.30 del prossimo primo giugno, dalla pagina Facebook Mediazione linguistica Foggia.

Della sua esperienza di interprete negli ospedali newyorkesi, la De Luca scrive: «Mi sono sentita da subito una figura chiave, una a cui viene riservato un posto in prima fila.

Nelle strutture ospedaliere di Manhattan, ma anche Brooklyn, Queens, Bronx, spesso la presenza dell’interprete è obbligatoria. Ciò che mi colpì da subito fu l’atteggiamento dei medici nei confronti dell’interprete. 

Esistono linee guida anche su dove e come l’interprete si debba posizionare durante la conversazione, e cioè di fianco al paziente un passo indietro. Esattamente come se fosse un’ombra.

Gli italiani che si recano all’estero per cure mediche di vario tipo sono 350.000 all’anno, migliaia di questi nei soli Stati Uniti».

Tutti gli studenti con ambizioni nella traduzione e nell’interpretariato sono invitati all’importante diretta Facebok.