Sport

Alla prodezza di Sarno risponde Mazzeo su rigore: Foggia – Benevento 1 a 1

Niente da fare per gli uomini di Roberto de Zerbi, allo Zaccheria, la gara tra Foggia e Benevento finisce in parità.
Gara bellissima fin dai primi scampoli con un Foggia votato all’attacco grazie agli interessanti spunti offensivi di Chiricò e Sarno e le ripartenze degli esterni Angelo e Di Chiara; proprio quest’ultimo sul finale di primo tempo tenta un cross in area di rigore che si infrange sulla mano di un difensore campano e cosi l’arbitro decide di concedere l’estrema punizione per i satanelli.

Dal dischetto ci va il capitano Cristian Agnelli, ma Gori capisce tutto e blocca la sfera. Il primo tempo finisce sullo 0 a 0. Il Foggia torna in campo più carico e motivato, de Zerbi manda dentro il capocannoniere Iemmello e nel finale getta nella mischia anche lo spagnolo Maza, ma è Sarno a trovare la rete del vantaggio grazie ad una punizione al veleno dai 30 metri che toglie le ragnatele dalla porta difesa da Gori.

Il Foggia tiene il vantaggio fino all’83° quando Alessio Gerbo commette fallo al limite dell’area di rigore. L’arbitro non ha dubbi neppure stavolta e concede il penalty al benevento. Dal dischetto va Fabio Mazzeo che spiazza Narciso. Il Benevento ristabilisce gli equilibri iniziali: di nuovo pareggio e tutto da rifare.

Il finale di gara è infuocato, il Benevento attacca e crede nella vittoria. Narciso si invola in un paio di uscite al fulmicotone che fanno tremare i tredicimila tifosi presenti allo Zaccheria. Nessuna delle due squadre riesce a sfruttare le occasioni degli ultimi minuti di gara e cosi la partita termina sul 1 a 1.

Un risultato che senza dubbio premia l’impegno delle due squadre in campo che si sono equivalse per gran parte della partita. Ora gli occhi sono puntati sul match di stasera tra Casertana e Lecce che stabilirà gli equilibri della zona alta della classifica di Lega Pro Girone C.

 

Redazione

Foggiareporter.it è il quotidiano online della Provincia di Foggia. Cronaca, eventi, politica e sport dalla Capitanata. Leggi tutti i nostri articoli.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close

Sostenerci è facile

Per favore, disabilita AdBlock