Cronaca

Foggia, c'era una volta Parco San Felice: ora è un luogo degradato e pericoloso per i bambini

C’era una volta, così iniziano le favole che si raccontano ai più piccoli prima di andare a dormire. Sono proprio i bambini i protagonisti di questa triste storia che vogliamo raccontarvi oggi, protagonisti (per loro sfortuna) di una situazione di degrado che da troppo tempo caratterizza la nostra città e il suo polmone verde, Parco San Felice.

Nelle foto che vedete qui in basso, si vedono dei giochi per bambini letteralmente distrutti dai vandali che frequentano il parco e amano “divertirsi” distruggendo quelli che dovrebbero rappresentare il vero e sano divertimento per i più piccoli abitanti della nostra città. L’amore per la città deve partire dai suoi cittadini, è inutile, ogni volta, lamentarsi dell’Amministrazione se siamo noi i primi a lasciare la nostra città nel degrado più assoluto. Dove sono finiti il rispetto e la civiltà?

Come si può pensare di migliorare una città se il suo vero problema sono i suoi figli? Queste foto ci portano a riflettere sulla vivibilità della città per le famiglie con bambini, una vivibilità, in questo caso, minacciata da altri cittadini che danneggiano e macchiano questo luogo, in cui i piccoli foggiani dovrebbero trascorrere sereni pomeriggi all’insegna del gioco e del divertimento, con la loro inciviltà.

Non è normale che i bambini non possano usufruire degli unici giochi che l’unico grande parco della città mette loro a disposizione per paura di farsi male, non è normale che siano gli stessi foggiani a danneggiare il luogo che dovrebbero proteggere e amare, non è normale rimanere in silenzio davanti a queste immagini. Non serve a nulla essere patriottici solamente quando si parla di calcio o di vecchie rivalità con le altre città pugliesi, bisogna sentirsi Foggiani, con la lettera maiuscola, ogni giorno, dimostrando, con i fatti e non solamente con le parole, di amare e rispettare la nostra terra, i nostri parchi, le nostre chiese, i nostri monumenti, la nostra casa.

Annarita Correra

Mi chiamo Annarita Correra, ho 27 anni e amo raccontare storie. Credo che la bellezza salverà il mondo e per questo la cerco e la inseguo nella mia terra, la più bella del mondo. L’amore per la letteratura mi ha portato a conseguire la laurea triennale in Lettere Moderne e quella magistrale in Filologia Moderna. Ho collaborato con riviste online culturali, raccontando con interviste e reportage le bellezze pugliesi. La mia avventura con Foggia Reporter é iniziata cinque anni fa. Da un anno curo la linea editoriale del giornale, cercando di raccontare la città e la sua provincia in modo inedito, dando voce e spazio alla cultura e alle nostre radici. Mi occupo di web editor e creo contenuti digitali, gestisco la pagina Instagram del giornale raccogliendo e raccontando le immagini più belle delle nostra terra.

Articoli correlati

Back to top button
Close

Sostenerci è facile

Per favore, disabilita AdBlock