Storie di successo

Dall’orto al ristorante stellato: sul Gambero Rosso il talento di Guido Botticelli al servizio degli chef

Ci sono passioni destinate a cambiare la propria vita, percorsi che si intrecciano con intuizioni, antichi valori e attaccamento alle proprie radici: sono questi gli ingredienti della storia di Guido Botticelli, il giovane foggiano che ha trasformato in una professione la sua costante ricerca di prodotti agricoli da segnalare agli chef.

Un talent scout dei piccoli produttori che preservano tradizione e qualità ma che sono sconosciuti ai più perchè non si affidano ai social, magari perché hanno una produzione tale da non poter garantire un rifornimento costante, sono piccole realtà familiari dislocate in posti difficili da raggiungere.

Eppure esistono e sono custodi di prodotti genuini e di nicchia ma che fanno gola alla cucina della ristorazione: cosi, Guido ha iniziato una collaborazione fatta della riscoperta delle persone e delle loro storie prima ancora che dei loro prodotti che oggi propone ai ristoratori di Parigi, Milano e Roma.

Da quasi tre anni mi occupo di scoprire e valorizzare tutte quelle produzione autentiche fatte da contadini, piccoli produttori e piccoli allevatori tra i più rappresentativi della tradizione culinaria italiana –  racconta a Foggia Reporter, Guido –  si tratta di una selezione di prodotti che realizzo secondo tre punti critici.

Il primo è quello della territorialità perché sono convinto che ogni Provincia della Puglia abbia le sue peculiarità, l’altra è la stagionalità, fondamentale per rispettare l’ambiente, valore che ritengo molto importante e infine tengo anche in considerazione l’identità di questi prodotti che raccontano storie, che parlano di territori da scoprire”.

Aglio pendolino e fungo San Giorgio

Anche il Gambero Rosso si è interessato alla sua storia, i prodotti selezionati arrivano dalla Puglia ma in seguito il suo raggio d’azione si è ampliato anche ad altre regioni.

La sua selezione vanta anche un occhio di riguardo ai prodotti tutelati da presidi e denominazioni, come il carciofo violetto di Sant’Erasmo oppure il peperone di Senise, tanto per citarne alcuni, fino all’accurata ricerca di prodotti regionali semisconosciuti, come la farinella di Putignano o il cedro di Diamante.

“Inizialmente sono partito con prodotti DOP o IGP e dai Presidi Slow Food –aggiunge Guido – ma poi mi sono reso conto in corso d’opera che un prodotto con tale denominazione non significa necessariamente che sia più buono degli altri.

Ci sono invece tanti prodotti che sono stati messi nel dimenticatoio e che hanno solo bisogno di essere riscoperti perché sono eccezionali. Si tratta di prodotti che rispecchiano un territorio e una stagione e che adesso il mio compito è quello di valorizzare”.

Il viaggio di Guido alla (ri)scoperta di prodotti e sapori della tradizione si è ampliato fino a comprendere non solo ortaggi, erbe e frutta, ma anche cereali, farine, legumi, salumi e formaggi passando anche per olio, aceti e spezie.

Primizie di stagione, prodotti dimenticati che, tra qualche angolo sperduto della Puglia e non solo, qualche agricoltore all’avanguardia ha deciso di provare a riproporre, unendo competenza e conoscenza alle tradizioni dimenticate.

Adesso sarà il talento di Guido a valorizzare questi ingredienti che finiranno poi dritti dritti in cucina alla portata di chef che sapranno utilizzarli per sublimare i propri piatti o addirittura come ingrediente segreto di nuove preparazioni destinate ai palati più esigenti.

Dalila Campanile

Giornalista pubblicista, addetta stampa e digital PR. Sin da piccola non ho mai smesso di coltivare una delle mie più grandi passioni: la scrittura. Dopo l’esperienza di redattrice presso il giornalino scolastico delle scuole medie “Il SottoSopra”, ho capito che la mia strada sarebbe stata quella: non mi sono mai fermata, intraprendendo numerose collaborazioni con le testate locali, specializzandomi in articoli di costume. Poi sono arrivate le collaborazioni per gli uffici stampa e la comunicazione digitale. Dopo la laurea in legge – la mie materia preferite? Inevitabilmente Diritto Commerciale e Diritto delle Comunicazioni – ho seguito numerosi corsi di aggiornamento e specializzazione per affinare le mie doti comunicative. La mia missione? Far circolare le buone notizie e raccontare il bello che ci circonda, perché non bisogna mai darlo per scontato.

Articoli correlati

Back to top button
Close

Sostenerci è facile

Per favore, disabilita AdBlock