Cultura e territorio

Al via i Giorni della Merla: perchè si chiamano così?

I Giorni della Merla iniziano con la giornata di oggi, 29 gennaio, e terminano il 31 gennaio. Sapete perchè si chiamano così? Gli ultimi tre giorni di gennaio, per la tradizione, sono considerati i più freddi dell’anno, ma scientificamente non è proprio così.

Quest’anno, più che mai, gli ultmi tre giorni di gennaio non sembrano rispettare la tradizione e le leggende legate al freddo. Gennaio 2020, infatti, tranne qualche giornata è stato prevalentemente condizionato dall’Alta Pressione, ovvero da giornate soleggiate e temperature tiepide quasi primaverili.

Tuttavia questi particolari giorni di gennaio si chiamano così per antichi miti popolari che hanno come protagonista una bianchissima merla.

Secondo la leggenda popolare, infatti, un Gennaio dispettoso e freddo avrebbe rubato tre giorni a febbraio per fare uno scherzo ad una merla che, a causa delle bassissime temperature, non riusciva a trovare il cibo per i suoi piccoli.

La merla disperata e preoccupata per i suoi piccoli chiese aiuto a Gennaio chiedendogli di durare meno, ma non riuscì ad ottenere il suo aiuto. Decise allora di dire a Gennaio che per l’anno seguente si sarebbe organizzata con una scorta di cibo molto più grande così da rimanere al caldo con i suoi pulcini per l’intero mese.

Gennaio, essendo molto permaloso, decise di vendicarsi rendendo gli ultimi giorni ancor più gelidi di quanto lo fossero normalmente, per mettere ancor più in difficoltà la merla e i suoi piccoli.

La merla, però, non si fece scoraggiare e si nascose con la famiglia in un comignolo per scaldarsi. Qui il loro piumaggio da bianco divenne nero, trasformando per sempre il colore di questi uccelli che da quel giorno furono neri.

Secondo la leggenda, inoltre, se i giorni della merla sono freddi, la primavera sarà bella; se sono caldi, la primavera arriverà in ritardo.

Fonte: scienze.fanpage.it

Redazione

Foggiareporter.it è il quotidiano online della Provincia di Foggia. Cronaca, eventi, politica e sport dalla Capitanata. Leggi tutti i nostri articoli.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close

Sostenerci è facile

Per favore, disabilita AdBlock