Cultura e territorio

Il Natale a Foggia tra cartellate e baccalà

Foggia – Il Natale sta arrivando e porta con sé la sua magia capace di coinvolgere grandi e piccoli, gli zampognari, le luci, le ghirlande colorate che ornano i balconi e i suoi profumi. Per noi foggiani questa festa non è solamente un rito religioso, è un vero e proprio evento gastronomico all’insegna della “gran mangiata”.

Il periodo natalizio unisce tutta la famiglia, si tira fuori l’antico ricettario e si inizia a ripescare le antiche ricette, quelle di una volta, che profumano di passato, cannella e vincotto. Piatti che richiedono ore ed ore di preparazione ma senza i quali non sarebbe Natale nelle case foggiane.

Tra un “Tu scendi dalle stelle” suonato dagli zampognari nel portone e un bicchierino di nocino si preparano i dolci tipici della nostra terra, fatti rigorosamente in casa. Qui panettone e pandoro cedono il posto alle regine delle feste: le cartellate, strisce di pasta dolce arrotolate su se stesse a mo’ di cestino, fritte, immerse (non condite) nel vincotto e decorate a volte con confettini colorati e cannella.  C’è poi la versione con il miele, ma attenzione a non chiamarle cartellate, in tal caso si chiamano “scarole”. Mostaccioli, castagnelle, mandorle atterrate, taralli neri, pupurati e calzoncelli non devono mancare, tutti dolci legati alla figura di Gesù Bambino, a base di cioccolato, mandorle, zucchero e vincotto.

A Foggia non si mangiano solo dolci però, il giorno della Vigilia, tra le strade affollatissime della città, vi è un tripudio di odori, il più forte è sicuramente quello delle pettole, che costituiscono il pranzo della Vigilia. Le pettole sono palline di farina, lievito di birra, sale ed acqua, fritte nell’olio bollente. Si possono preparare vuote o ripiene con pomodori, olive, acciughe o capperi. Si frigge dalla mattina al tardo pomeriggio in attesa del cenone.

Quando inizia a far buio pian piano si torna a casa e salutati i convenevoli ci si siede a tavola affamati. Linguine al sugo di anguilla, capitone alla brace, i fieri tradizionalisti non rinunciano, nonostante sia ormai un’ abitudine persa, al cavolo stufato con il baccalà, sostituito negli anni dal più classico baccalà rigorosamente fritto condito con olio e limone. E ancora salumi e formaggi vari, frutta secca, mandarini e vino (preferibilmente pugliese) erano un tempo e sono ancora i protagonisti indiscussi delle tavole foggiane in una delle feste più sentite e magiche di tutto l’anno.

Che sia attorno al braciere o al televisore, che a far da sottofondo siano i canti natalizi o gli squilli degli smartphone, che al telefono ci sia lo zio dal Canada o su Skype il fratello che lavora all’estero, il Natale racchiude la magia della famiglia, delle cartellate che sporcano puntualmente la tovaglia con il loro vincotto e delle poesie dei più piccoli recitate sulla sedia.

Annarita Correra

Mi chiamo Annarita Correra, ho 27 anni e amo raccontare storie. Credo che la bellezza salverà il mondo e per questo la cerco e la inseguo nella mia terra, la più bella del mondo. L’amore per la letteratura mi ha portato a conseguire la laurea triennale in Lettere Moderne e quella magistrale in Filologia Moderna. Ho collaborato con riviste online culturali, raccontando con interviste e reportage le bellezze pugliesi. La mia avventura con Foggia Reporter é iniziata cinque anni fa. Da un anno curo la linea editoriale del giornale, cercando di raccontare la città e la sua provincia in modo inedito, dando voce e spazio alla cultura e alle nostre radici. Mi occupo di web editor e creo contenuti digitali, gestisco la pagina Instagram del giornale raccogliendo e raccontando le immagini più belle delle nostra terra.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close

Sostenerci è facile

Per favore, disabilita AdBlock