Viaggi e turismo

Le Guide di Foggia Reporter: Rocchetta Sant’Antonio

Rocchetta Sant’Antonio – Sui sentieri dell’Annunziata dietro Petra Longa, Lacedonia e Melfi abbracciano una rocca risalente all’anno 1000. Questa trasformò l’Oppidum Rocca dei Dauni e Sanniti, abitanti sull’Ofanto, in Castel Sant’Antimo.

Tanti furono i nomi di questo paese fino a che alla memoria fu ricordato Sant’Antonio, colui che salvò il borgo da una totale distruzione barbarica.

È sorprendente vedere come Rocchetta Sant’Antonio si sia costruita su edifici medievali e palazzi rinascimentali, tutti racchiusi nel centro storico all’interno delle mura di Sant’Antimo, vecchia fortezza su cui nel ‘500 fu edificato il fiore all’occhiello del paese: Castello d’Aquino.

Castello d’Aquino – Ph. Credit: Mediterraneo Antico

Puntualmente “incendiato” in mirabili giochi pirotecnici durante le fanoje di Sant’Antonio, le sue sommità merlate e i colori ocra della pietra calcarea inglobano la Chiesa di San Giuseppe, cappella gentilizia per le funzioni di assoluzione alla famiglia feudale, e si legano alla Chiesa della Maddalena con le sue pregiate opere lignee, il Convento dell’Annunziata e la Chiesa Madre con il suo splendido campanile di matrice settecentesca.

A stupire è l’armonia delle architetture lastricate in pietra che, in un saliscendi di strutture normanne e piazze aragonesi costeggiante dallo zampillio di alcune fontane, raccontano lo sviluppo di Rocchetta Sant’Antonio lungo il pendio della collina, su cui sono ubicate le prime torri quadre che hanno dato forma alla fortezza che Marchese d’Aquino di Corato acquistò da Ferdinando d’Aragona.

Palazzo del Sedile – Ph. Credit: Regione Puglia

Di fronte, due archi a tutto sesto tra due solide colonne in pietra introducono al Palazzo del Sedile, meglio noto come il Seggio, casello di dogana e luogo di udienze feudali provvisto di strumenti di scambio commerciale, molto diffuso nel Regno di Napoli.

Passando per la Torre dell’Orologio, si ascoltano i discorsi degli anziani in dialetto avellinese: Sant’Antonio rientra in Puglia solo dal 1940. Ci si abbevera a fontana r’morc per proseguire.

Seppur con due soli ristoranti e cinque bar, Rocchetta Sant’Antonio si annovera una Bandiera Arancione: c’è molto altro da scoprire!

Importante caratteristica è la Petrala, il sentiero che, iniziando dal centro storico, conduce al bosco comunale.

A farci strada sono le innumerevoli fontane dalle acque benefiche, il cui sapore dolciastro richiama al culto della Madonna del Pozzo, compagna di vita e di speranza per i rocchettani.

Petra Longa – Ph. Credit: Rocchetta Turismo

Nonostante vaste aree pic nic e soste camper per i turisti., la natura trova massima espressione nella varietà di arbusti secolari e piante medicinali dove si nascondono ricci, tartarughe, civette e falchi e qualche pastore del luogo.

La fontana Manga “di sotto” si scopre la rete del Regio Tratturo Pescasseroli – Candela percorribile in bici, a piedi o a cavallo e che costeggia la rete ferroviaria Avellino – Rocchetta Sant’Antonio, ormai abbandonata. 

Ponte Cannito, viadotti e gallerie, villaggi rurali, stazioni e caselli si fanno largo tra pale eoliche fino ad arrivare al Dragone e Sagnennar, porti fluviali che dal neolitico rappresentano l’emblema del mistero, quello stesso misticismo rappresentato nei balli ancestrali e spagnoleggianti durante la sagra podolica in paese.

Fonte: pp.8, 70 -78; Comune di Rocchetta Sant’Antonio, “Dichiarazione ambientale secondo i requisiti del Regolamento (CE) N. 1221/2009 EMAS”, Certiquality e Touring Club Italiano, 27/02/2015.
p. 376, Touring Club Italiano, “Guida Gastronomica d’Italia”, Mondaini e C., 1931.
Lattanzi, A., Lattanzi, N., “Guida insolita ai misteri, ai segreti, alle leggende e alle curiosità della Puglia”, Newton Compton Editori, 2015.

Michela Serafino

Operatore culturale nei sistemi turistici e 30 anni di "pugliesità". Fin da bambina ho osservato con curiosità le meraviglie dell'arte. Decidendo di fare della mia passione una professione, sono volata via da Foggia per laurearmi in Scienze dei Beni Culturali e specializzarmi in Turismo, territorio e sviluppo locale presso la Bicocca di Milano. Con i miei primi passi nei musei, ho capito il valore della condivisione del bello con la società.... mai quanto nella mia regione! La mia mission? In quanto educatore museale e guida turistica, ciò che adoro di più è convertire i disinteressati al piacere della scoperta nei musei e alla bellezza della mia città. Il territorio trama con le sue risorse attraverso metodi di comunicazione 4.0 e web marketing (SEO, Socialmedia,...), tali da apportare il giusto contributo alla promozione culturale e turistica, ed io ci sono dentro. Rivolgendomi sia a giovani che ad adulti tra attività e laboratori, i miei racconti si rivolgono a chiunque abbia voglia di conoscere la Puglia, in particolare la Daunia. Il mio cavallo di battaglia? Progettare ed organizzare eventi culturali coordinando, tramite i media, strutture, associazioni ed infrastrutture necessarie per la mobilità e l'ospitalità. Adoro viaggiare, ma soprattutto appassionare della mia terra.

Articoli correlati

Back to top button
Close

Sostenerci è facile

Per favore, disabilita AdBlock