Politica

San Nicandro Garganico, il sindaco Costantino Ciavarella si è dimesso

Questa mattina il sindaco di San Nicandro Garganico, Costantino Ciavarella, ha rassegnato le sue dimissioni.

La decisione del sindaco del comune garganico del Foggiano sarebbe l’esito di un’accesa riunione di maggioranza tenutasi questa mattina nel Comune di San Nicandro Garganico con i maggiori esponenti della maggioranza che governa la cittadina.

L’emergenza sanitaria ed economica, nel piccolo comune della provincia di Foggia, deve fare ora posto anche ad un’emergenza politica.

Come riportato dai colleghi di sannicandro.org, secondo alcune indiscrezioni, Ciavarella (che era alla guida di una coalizione di centro destra) sarebbe pronto a tentare di costruire una nuova maggioranza lontana da quella prodotta dalle elezioni del 2018.

Tra gli interlocutori di queste ore ci sarebbero, infatti, tutti i consiglieri della minoranza, sia quelli del gruppo misto, sia i tre del PD.

Ciavarella avrebbe presentato le sue dimissioni in un clima politico diventato purtroppo difficile da sostenere.

Oggi la decisione del primo cittadino che lascia spiazzati gli abitanti del comune garganico.

Ciavarella ha 20 giorni per ricostruire la giunta, se così non fosse, nel comune garganico ci sarà il Commissario prefettizio fino alle nuove elezioni.

Ecco la lettera che il sindaco ha inidirizzato ai cittadini per spiegare la sua decisione: “Cari concittadini, in momento storico in cui la diffusione della pandemia Covid19 ci ha costretti a cambiare le nostre abitudini di vita, creando in ciascuno di noi forti preoccupazioni per a salute e incertezze sul prossimo scenario economico che dovremo affrontare.

La fase emergenziale degli ultimi due mesi vissuta a stretto contatto con le associazioni di volontariato e con tutti quei cittadini, che in questo momento si sono resi disponibili a collaborare per aiutare le persone più fragili e più a rischio della nostra Comunità, ha rafforzato il principio che solo unendo le forze si riesce a superare con rapidità le difficoltà del momento.

Oggi più di ieri bisogna far emergere il valore della umiltà e servizio, essenza comportamentale di chi riveste un ruolo di funzione amministrativa, venuti meno alla luce degli ultimi episodi amministrativi.

Rivalutando le difficoltà, che in più occasioni, ho dovuto superare è arrivato il momento di rassegnare le dimissioni con le seguenti motivazioni: “Tutto questo mi hanno in maniera coerente e lineare con i principi e i valori che distinguono la mia persona .

Sento la responsabilità, come primo cittadino, di contrastare l’azione politico amministrativa di una maggioranza litigiosa che crea contrasti e divisioni ed annulla ogni mio possibile sforzo per il raggiungimento di unità e coesione.

Nonostante tutte le rassicurazioni e le intese di volta in volta raggiunte con i gruppi consiliari di maggioranza, gli ultimi avvenimenti mi costringono a prendere atto dell’assenza delle condizioni politiche per continuare a svolgere con equilibrio e serenità il mio compito che viceversa, avrebbe richiesto il massimo impegno da parte di tutti a difesa degli interessi dell’intera comunità sannicandrese.

I personalismi all’interno della compagine non mi consentono di continuare a guidare i processi amministrativi e quindi di portare avanti agevolmente il programma sul quale ho ottenuto il consenso della città.

Con profondo senso di responsabilità verso l’intera città, e nel rispetto delle prerogative che la legge riconosce al sindaco rassegno le mie dimissioni al Consiglio Comunale.

A breve incontrerò tutte le componenti dei gruppi consiliari fiducioso che ora più che mai è il momento in cui il comportamento responsabile di ciascuno di noi può fare la differenza.

Fonte: sanmarcoinlamis.eu

Redazione

Foggiareporter.it è il quotidiano online della Provincia di Foggia. Cronaca, eventi, politica e sport dalla Capitanata. Leggi tutti i nostri articoli.

Articoli correlati

Back to top button
Close

Sostenerci è facile

Per favore, disabilita AdBlock