Attualità

Spray al peperoncino: quando è lecito usare gli spray anti-aggressione

Potrebbe essere stata innescata dall’utilizzo dello spray al peperoncino la tragedia che ha visto la morte di sei persone nella discoteca Lanterna Azzurra di Corinaldo, in provincia di Ancona, poco prima dell’inizio del concerto del cantante trap Sfera Ebbasta.
L’uso di questo spray a base di sostanze urticanti è sempre più diffuso anche nel nostro Paese come strumento di autodifesa, anche se, purtroppo, viene usato come una vera e propria arma per aggredire o per fare brutali scherzi che poi circolano in rete.

Ma che cos’è lo spray urticante al peperoncino?

Lo spray al peperoncino è uno strumento di difesa personale regolamentato dal decreto ministeriale n. 103 del 12 maggio 2011. La bomboletta è in vendita dal 2014 e viene usata anche dalle forze dell’ordine, ma risulta sempre più comune tra i cittadini, soprattutto le donne.
Questo dispositivo può essere a tutti gli effetti considerato un’arma, seppur non letale, ma pericolosissima. Inizialmente veniva venduto solo da armerie o negozi specializzati nei prodotti per la difesa personale, ma dopo la regolamentazione del ministero è possibile trovarlo anche sul web, in farmacia e nei comuni supermercati. Anche il prezzo è assolutamente accessibile visto che raramente il costo della bomboletta supera i 30 euro.
Non è il peperoncino a rendere il contenuto della bomboletta urticante, come si è soliti credere, bensì la capsaicina: un composto chimico presente, in diverse concentrazioni, in piante del genere Capsicum tra le quali, appunto, c’è anche il peperoncino piccante. Si tratta di una sostanza in grado di provocare forti e istantanee irritazioni alle mucose e agli occhi.

Quando può essere usato legalmente lo spray al peperoncino?

Le bombolette di spray  urticante possono essere usate soltanto in caso di legittima difesa. Quando la persona che possiede la bomboletta viene aggredita, può ricorrere al dispositivo purché si tratti di uno spray legale: il flacone, infatti, secondo quanto stabilito dal ministero, non può contenere più di 20 millilitri di prodotto e non può avere una gittata di più di tre metri.
Oltre tali soglie, lo spray non è più uno strumento di legittima difesa ma un mezzo illegale di aggressione.
Nella discoteca Lanterna Azzurra di Corinaldo un minorenne avrebbe spruzzato uno spray urticante provocando il panico che poi ha portato alla morte di sei persone. Non sono ancora note le motivazioni che avrebbero portato il ragazzo a spruzzare questo spray, forse un diversivo per rubare i cellulari dei suoi coetanei, oppure un assurdo e tragico “gioco”.
 
Fonte: fanpage.it
 
 
 
 
 

Annarita Correra

Mi chiamo Annarita Correra, ho 27 anni e amo raccontare storie. Credo che la bellezza salverà il mondo e per questo la cerco e la inseguo nella mia terra, la più bella del mondo. L’amore per la letteratura mi ha portato a conseguire la laurea triennale in Lettere Moderne e quella magistrale in Filologia Moderna. Ho collaborato con riviste online culturali, raccontando con interviste e reportage le bellezze pugliesi. La mia avventura con Foggia Reporter é iniziata cinque anni fa. Da un anno curo la linea editoriale del giornale, cercando di raccontare la città e la sua provincia in modo inedito, dando voce e spazio alla cultura e alle nostre radici. Mi occupo di web editor e creo contenuti digitali, gestisco la pagina Instagram del giornale raccogliendo e raccontando le immagini più belle delle nostra terra.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close

Sostenerci è facile

Per favore, disabilita AdBlock