Cultura e territorio

La Cattedrale di Troia: tra storia, arte e curiosità

Troia – Sulle pendici del Subappennino Dauno, a 439 metri sul livello del mare, tra l’oro dei campi di grano e il verde del Tavoliere, sorge una città antichissima, che sembra essersi cristallizzata nel tempo e che riesce sempre a sorprendere i suoi visitatori.

Questa piccola cittadina della provincia di Foggia che porta il nome del celebre sito storico, nel quale si combatté la famosa guerra del mondo antico narrata da Omero nell’Iliade, non è poi così lontana dal mondo greco. Stiamo parlando di Troia, “Troië” in dialetto pugliese, conosciuta fino agli inizi del Novecento anche come “Troja”.

Troia ha un patrimonio artistico molto ricco e variegato, tra i tanti luoghi di interesse da visitare vi è sicuramente la meravigliosa e antica Cattedrale, che insieme ad altri edifici religiosi e storici caratterizza il corso principale, Corso Margherita, dal quale si diramano numerosi e stretti vicoletti laterali.

L’antica e caratteristica Cattedrale romanica fu costruito tra il 1093 e il 1125, secondo lo stile romanico pugliese, l’edificio è dedicato alla Beata Maria Vergine Assunta in Cielo, ed è sicuramente uno degli esempi più eclatanti dell’architettura romanica in Capitanata. Un vero e proprio gioiello a pochi chilometri da Foggia.

Particolare interessa merita il suo meraviglioso rosone, esempio eccelso di tecnica scultorea e traforo, composto da undici colonne che si irradiano dal centro e sono connesse tra loro con un gioco di archi che fanno da cornice.

Il numero dispari delle colonnine rende però il rosone asimmetrico, ma la scelta del numero “11” non è casuale, in quanto ha un importante valore simbolico.

Undici è infatti il numero degli apostoli, escluso il traditore Giuda Iscariota, escluso proprio per sottolineare che chi pecca veramente non è più collegato a Gesù.

Dal punto di vista architettonico, la facciata è divisa da un cornicione che distingue la parte superiore, più leggera e dai tratti più lievi, dalla parte inferiore, compatta, ravvivata dalla presenza di archi ciechi e semicolonne.

La parte superiore della facciata, che riprende la zona interna della navata centrale, è caratterizzata da un tetto a doppio spiovente ed è sorretto da due ampi contrafforti.

Ma ciò che caratterizza la facciata e ne determina la peculiarità è sicuramente il gioco di parti architettoniche e scultoree, che formano un’armonia particolare e molto suggestiva che da sempre incanta moltissimi visitatori.

Se decidete di trascorrere una giornata a Troia, stupenda cittadina, non esitate a immortalare in una fotografia la meravigliosa Cattedrale, un gioiello architettonico che in tutta Italia ci invidiano.

Prima di andare via e salutare la ridente cittadina di Troia ricordatevi di fare un salto nella storia pasticceria Casoli, una rinomata pasticceria che da più di dieci anni produce un goloso e tradizionale dolce al cospetto della Cattedrale.

Di cosa stiamo parlando? Ovviamente dell’inimitabile Passionata, un vero e proprio gioiellino della pasticceria locale, creato con tre tipi di ricotta (pecora, bufala e mucca), pandispagna e pasta di mandorle.

Addentando la Passionata il vostro ritorno a casa sarà ancora più dolce. Saluterete la cittadina di Troia, porta dei Monti Dauni, con gli occhi ricchi di meraviglie e il palato fieramente soddisfatto.

Fonte: Wikipedia – turismo.it

Annarita Correra

Mi chiamo Annarita Correra, ho 27 anni e amo raccontare storie. Credo che la bellezza salverà il mondo e per questo la cerco e la inseguo nella mia terra, la più bella del mondo. L’amore per la letteratura mi ha portato a conseguire la laurea triennale in Lettere Moderne e quella magistrale in Filologia Moderna. Ho collaborato con riviste online culturali, raccontando con interviste e reportage le bellezze pugliesi. La mia avventura con Foggia Reporter é iniziata cinque anni fa. Da un anno curo la linea editoriale del giornale, cercando di raccontare la città e la sua provincia in modo inedito, dando voce e spazio alla cultura e alle nostre radici. Mi occupo di web editor e creo contenuti digitali, gestisco la pagina Instagram del giornale raccogliendo e raccontando le immagini più belle delle nostra terra.

Articoli correlati

Back to top button
Close

Sostenerci è facile

Per favore, disabilita AdBlock